10 COSE DA NON DIRE A UNA NEOMAMMA

10 COSE DA NON DIRE A UNA NEOMAMMA

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Avere un figlio è una gioia, ma anche una grande fatica, soprattutto durante i primi mesi. Se volete evitare che una mamma (già affaticata da parto-notti insonni-ormoni in subbuglio) si senta ancora più provata, ecco una rapida guida: 10 cose da NON dire a una neomamma!

1. State già pensando a quando farne un altro?
Questa è una domanda estremamente personale, da non fare assolutamente alla leggera (ne ho parlato anche in questo articolo: Quand’è che fate un figlio??). E comunque una mamma che ha avuto un bimbo da poco, e magari ha ancora i punti freschi e il ricordo del parto vivido nella mente, non ci vuole pensare ancora per un bel po’!

2. Che peccato, è un altro maschio/un’altra femmina. Magari avrete più fortuna al terzo tentativo…
Io non ho mai capito perché una persona dovrebbe dispiacersi di avere due maschi o due femmine. Tutti partono dal presupposto che si debba avere la “coppietta”. Ma perché? Innanzi tutto, la fortuna più grande è avere figli in salute. E poi, spesso, i bimbi dello stesso sesso sono più complici tra loro. In ogni caso, è totalmente fuori luogo sminuire una mamma di due maschietti o di due femminucce!

3. Dorme la notte??
A parte pochi casi fortunati, al 90% la risposta sarà: NO. Perché è fisiologico: il sonno dei bambini piccoli non può essere continuativo come quello degli adulti, bisogna armarsi di molta pazienza e molta energia. E il fatto che tutti continuino a farti la stessa domanda, rigirando il coltello nella piaga, non aiuta.

4. Non devi tenerlo sempre in braccio, prende il vizio.
Come e quanto tenerlo in braccio è una faccenda che riguarda solo la mamma. Punto. E comunque un neonato ha un bisogno assoluto del calore della mamma, il fatto che costituisca un “vizio” è una diceria sorpassata già un po’.

5. Non devi attaccarlo al seno ogni volta che vuole, devi dargli degli orari.
Idem come prima. La mamma conosce i bisogni del suo bimbo e l’allattamento a richiesta è una scelta da rispettare. Nel mio caso, ad esempio, è stato il modo più funzionale per procedere bene con l’allattamento.

6. Come mai non sei riuscita ad allattarlo al seno?
Sono affari della mamma! Magari è stata una necessità, magari dietro c’è tanta sofferenza, magari è una scelta: in ogni caso, è inutile fare le sapientone su un tema così delicato. Una cosa è se i consigli sull’allattamento vengono espressamente richiesti, altra cosa è infierire una volta che la mamma ha preso la decisione (o ha avuto la necessità) di ricorrere al latte artificiale.

7. Ti vedo sciupata.
Ma dai?? Strano eh. Ho solo partorito da pochi mesi e devo badare a un bimbo piccolo che dorme poco la notte e ha bisogno del mio contatto 24 ore su 24… ma adesso che me l’hai fatto notare, sicuramente troverò il tempo per fare una vacanza in una beauty farm!

8. Ma sei di nuovo incinta??
A pochi mesi dal parto è normale che la pancia non sia ancora rientrata. Quindi evitate questi commenti, anche perché è difficile essere di nuovo incinte con un bimbo ancora in fasce…

9. Assomiglia tutto al papà, tu hai fatto solo la fatica.
Commento di pessimo gusto. Intanto viene detto sempre in tono accusatorio, canzonatorio o di compatimento (spesso preceduto da “Scusa se te lo dico, ma…”) come se la mamma dovesse esserne dispiaciuta. Sì, può anche assomigliare al papà… e allora?? Non è che gli voglio meno bene se fisicamente assomiglia poco a me. E comunque, fino a prova contraria, il materiale genetico ce l’ho ben messo anch’io. Poi dire che ho fatto “solo” la fatica sinceramente mi pare un insulto… come SOLO? È la parte più impegnativa!!

10. Ma dai, non ha ancora cominciato a mettere i dentini/afferrare gli oggetti con le manine/fare i primi sorrisetti ecc. ecc.? Il mio alla sua età lo faceva già.
Non ci interessa. Ogni bambino ha i suoi tempi, non è una gara e non penso proprio che tuo figlio/nipote sia più intelligente del mio perché a 3 mesi aveva già il primo dentino.

 

Che dite, vi sembro esagerata? Vi sembrano inverosimili queste domande? Vi garantisco che non è così: le ho sentite TUTTE, la maggior parte rivolte a me e alcune rivolte ad altre neomamme. Spero che queste 10 cose da NON dire a una neomamma aiutino i curiosoni ad avere un po’ più di tatto, quando avranno a che fare con una puerpera!


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment