Distributori automatici… di racconti

Distributori automatici… di racconti

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Ricordo un’iniziativa simile in Italia qualche anno fa quando Poste italiane decise di pubblicare una collana di racconti brevi, “Lineagialla”, dedicata agli scrittori emergenti e distribuita gratuitamente negli uffici postali. L’idea mi sembrò geniale e utile : promuoveva la lettura come antidoto all’uso smisurato del telefonino per ingannare il tempo.

É di qualche tempo fa una bella iniziativa della metropolitana di Grenoble: quella di installare dei veri e propri distributori automatici che anziché cibo e bevande erogano racconti. A seconda del tempo che si deve attendere si può scegliere tra un racconto lungo o breve. Il racconto è stampato su un foglietto di carta simile a uno scontrino. Il formato da 3 minuti consiste in uno “scontrino” lungo 60 cm e largo 8 cm, per una attesa di 5 minuti, il formato è doppio per lunghezza e per larghezza.

La realizzazione di questo progetto si deve alla casa editrice Short Édition, in collaborazione con il sindaco della città Eric Piolle.  L’iniziativa mi sembra lodevole: diffonde l’idea che la lettura sia una cosa per tutti e di facile fruibilità; diffonde i racconti, un genere meno diffuso rispetto al romanzo; promuove nuovi talenti e permette nello stesso tempo alle case editrici di farsi conoscere e di testare i gusti dei lettori.

Attendere l’arrivo dei mezzi pubblici è una noia mortale e ingannare i tempi morti consultando lo smartphone una pessima abitudine. Non sarebbe fantastico se qualche casa editrice copiasse l’idea anche in Italia?


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment