Libri sotto l’albero

Libri sotto l’albero

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

I libri sono, si sa, un classico regalo natalizio, ambito da chi ama la lettura, di facile riciclo e di scambio per chi non sa apprezzarla. Destreggiarsi tra gli scaffali delle librerie che con l’avvicinarsi del Natale si riempiono di centinaia di nuovi titoli non è cosa semplice. Ho selezionato una decina di libri-strenna nel tentativo di facilitarvi nell’impresa.

p.s. Mi rendo conto a lista conclusa di non aver scelto libri particolarmente “sdolcinati”, chissà che non vogliate suggerirmene qualcuno voi.


Francesca Fornario, La banda della culla (Einaudi) È ancora possibile mettere su famiglia in tempo di crisi?  Sì, ma serve un piano. Francesca Fornario ci racconta con uno stile ironico e disincantato la storia di tre coppie di giovani precari  che cercano di “prendere la vita di bolina, piegando un po’ più a destra e un po’ più a sinistra, impedendo al vento della disgrazia di gonfiare le vele”.Federico Baccomo, Woody (Giunti) Di libri che parlano di violenza domestica ce ne sono molti, di libri scritti “da cani” anche. Questo è un libro che parla di violenza domestica ed è volutamente scritto “da cani”  nel senso che Woody, il narratore di questa storia comica e commovente, è proprio un cane, un cane di razza basenji.

Elisabetta Bucciarelli, La resistenza del maschio (NNEditore) Dove “Resistenza” sta per resistere, non concedersi. Chi è l’Uomo di cui parla la Bucciarelli, quello che ama piacere e sedurre le donne senza concedersi? È quello a cui “piacciono i luoghi di transito. I corridoi, i sottopassaggi, gli svincoli della tangenziale, i parcheggi. La vista di spalle, il non dover fare per forza qualcosa, l’idea di poter avere tutto contenuta nella scelta di non avere niente. La lontananza, il punto da raggiungere, le altezze. La perfezione delle geometrie. L’azzurro che non si riesce a toccare, composto da ipotesi”. Lorenza Ghinelli, Almeno il cane è un tipo a posto (Rizzoli) Storie di vita quotidiana e di sopravvivenza viste dagli  occhi dei ragazzi, protagonisti e voci narranti del romanzo. Tra bulli e vittime di bullismo, genitori confusi e inibiti dal senso di colpa e di ineguatezza il cane pare essere effettivamente l’unico tipo a posto. Un libro scritto per i ragazzi illuminante anche per gli adulti.

Don Wislow, Il cartello (Einaudi). Art Keller, agente della Dea ritiratosi a vita semplice e solitaria in un monastero per dimenticare le menzogne e gli orrori del passato, viene nuovamente risucchiato nella guerra al narcotraffico.  Seguito de “Il potere del cane” il romanzo si ispira alla storia del re dei narcos messicani “Chapo” Guzman. Per James Ellroy questo è il miglior thriller di Wislow, è già un buon inizio.Peter Handke, Saggio sul cercatore di funghi (Guanda) Un saggio-non saggio che ci spiega quanto sia importante “starsene in pace” e coltivare le proprie passioni perché “chi si prodiga incessantemente nell’interesse della comunità, per non dire dell’umanità, è al posto giusto soprattutto se dedito a una qualsiasi inezia, tipo attaccare bottoni, raccogliere rametti o anche solo poltrire nell’ozio, così da non recare alcun danno” o se,  come per il protagonista di questo libro, ama andersene a zonzo in un bosco a cercare funghi.

Svetlana Aleksievič, La guerra non ha un volto di donna (Bompiani) Per chi predilige le letture impegnate il libro del premio Nobel per la Letteratura 2015. L’autrice racconta la Seconda Guerra Mondiale attraverso le testimonianze di alcune donne che all’epoca erano poco più che maggiorenni e che l’hanno vissuta in prima linea come volontarie al fronte.

Alessandra Izzo e Tiziano Tarli, Italian Nightclubbing, (Arcana editore) Aneddoti ed episodi della nightlife italiana, dal Piper Club di Roma al  Plastic di Milano passando per la Baia degli Angeli di Gabicce Mare.

Elisabetta Gnone, Olga di carta (Salani) Un libro per bambini di tutte le età che narra di una ragazzina che possiede una dote preziosa e magica: sa raccontare storie fantastiche capaci di infondere coraggio e di sconfiggere le paure reali di chi le ascolta. NB. Elisabetta Gnone è l’ideatrice delle fortunatissime saghe di W.I.T.C.H. e di Fairy Oak.


AA.VV, Emozionario. Dimmi cosa senti. (Nord-Sud Edizioni) Che aspetto hanno le emozioni che proviamo? Come spiegarle e come gestirle? Un dizionario delle emozioni e un libro illustrato per bambini dai 3 anni in su spiega ai bimbi e agli adulti che provare emozioni è un privilegio e imparare ad esprimerle un modo per imparare ad avvicinarci a chi amiamo.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment