MUTUO ABBASSATO MEZZO SALVATO

MUTUO ABBASSATO MEZZO SALVATO

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Che bellezza hanno abbassato i mutui! E poi c’è la signorina della banca così gentile che mi consiglia..quasi quasi stavolta riesco a farmi un mutuo. Anche se sono una donna sola.

Avevo quarantasei anni quando, otto anni fa, andai in cerca di comprarmi la mia prima vera casa.

Intendo la mia prima casa da donna sola, senza marito.

Come prima cosa andai in banca a chiedere informazioni su un possibile mutuo. La prima cosa che mi dissero fu: ”Venga con suo marito che ne parliamo meglio”. “Mi scusi,io non ho marito”. Per fortuna. “Ah. Volevo dire torni che la collega è in ferie”.

Poi mi misi a studiare cos’era lo spread. Avevo studiato greco antico, latino, poi anche tedesco, ma niente spread. Una tragedia. Non sapevo niente sull’interazione del tasso base BCE e lo spread, cioè su come la banca e altri signori molto distanti da te guadagnano sulla tua idea di risparmiare acquistando una casa invece che pagarci un affitto.

Consigliata dall’agente immobiliare, m’imbattei quindi nel “Consulente di mutuo”, figura a me sconosciuta che però all’epoca era molto in voga.

Fu suo il compito di farmi attraversare a colpi di machete la giungla dei vari tipi di mutuo, a tasso fisso, variabile, misto, finché dovetti decidermi.

Tutti, ma proprio tutti – il consulente, amici, la banca (la collega era tornata dalle ferie) – mi consigliavano il tasso variabile.

Io però avevo un’amica argentina, che era dovuta tornare in Italia quando – raccontava sempre – i tassi erano stati abbassati al minimo per poi risalire di colpo e gettare la popolazione sul lastrico.

Così scelsi di testa mia il tasso misto, con opzione fissa al momento in cui lo stipulai.

Il consulente divenne verde di rabbia, la banca mi guardò con compassione.

Ma pochi mesi dopo avvenne un improvviso rialzo, dovuto all’ennesima crisi politica.

E la mia rata fissa restò tale.


  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Leave a Comment